.
Annunci online

HeartProcession
Il mio mondo tra cravatte e buffoni
musica
17 gennaio 2008
Un freak piovuto dal cielo-Baby Dee



Quando ascolti canzoni come “ you’ll find your footing” vorresti non finire mai.
Mi addormenterei e risveglierei al suono di quelle parole e di quella voce ora rauca , ora fresca come acqua di sorgente, una voce di cui innamorarsi
La voce è di Baby Dee, un cantastorie transgender che sembra provenire da un libro di favole scritto sotto acido.

Un Freak di vecchio stampo, di quelli che il mondo oggi uccide.

Il nuovo disco ha il titolo di “Safe inside the day”ed è un piccolo gioiello.
Un immersione senza fiato in note di piano e di archi che si intrecciano in una abbraccio intimo e sensuale.
Teatrale a dir poco in alcuni pezzi( ricorda alcune vecchie opere teatrali  pop degli anni 70 e lo vedrei bene lavorare , anche se i generi sono diversissimi, con Diamanda Galas) , intimista in altri

E Flowers on the Traks è talmente bella che solo il pensiero di ballarla con Lei mi fa star bene

Bello, bello, bello

Qui è possibile ascoltare alcuni brani.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Baby Dee safe inside the Day freak

permalink | inviato da HeartProcession il 17/1/2008 alle 23:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
musica
30 settembre 2007
Lime tree-Bright eyes
 http://it.youtube.com/watch?v=A7oQbAX2Row

Canzoni così valgono una giorno intero e ti senti un pochetto stupido ma in verità ringrazi ancora la vita che ti permette di emozionarti per delle semplici note che danzano una con l'altra
Buon ascolto per chi vorrà



Keep floating down the river but the ocean never comes
Since the operation I heard you're breathing just for one
Now everything is imaginary, especially what you love
You left another message, said it's done
It's done

When I hear beautiful music it's always from another time
Old friends I never visit, I remember what they're like
Standing on a doorstep full of nervous butterflies
Waiting to be asked to come inside
Just come inside

But I keep going out
I can't sleep next to a stranger when I'm coming down
It's 8 a.m., my heart is beating too loud
Too loud
Don't be so amazing or I'll miss you too much
I felt something that I had never touched
Everything gets smaller now the further that I go
Towards the mouth and the reunion of the known and the unknown
Consider yourself lucky if you think of it as home
You can move mountains with your misery if you don't
If you don't

It comes to me in fragments, even those still split in two
Under the leaves of that old lime tree I stood examining the fruit
Some were ripe and some were rotten, I felt naseous with the truth
There will never be a time more opportune

So I just won't be late
The window closes, shocks roll over in a tidal wave
And all the color drains out of the frame
So pleased with a daydream that now living is no good
I took off my shoes and walked into the woods
I felt lost and found with every step I took

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Bright Eyes

permalink | inviato da HeartProcession il 30/9/2007 alle 20:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
musica
27 maggio 2007
Domenica Mattina - 5 canzoni





 

 

 



Buon Ascolto.
Se vi va



permalink | inviato da il 27/5/2007 alle 11:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
musica
20 maggio 2007
The Cure- Dieci canzoni, un Gruppo



22:15 Saturdaynight-
Ci sono canzoni apparentementi minori di un Gruppo che doverbbero in linea teorica passare inosservate.Questa canzone, quella chittara pizzicata con disperazione verso la fine, quelle due semplici strofe per me sono i Cure, o meglio, sono i miei Cure

 

Pictures of You
Ragabo, L'Etna , Neve, Charlotte, parole sussurrate...perchè alcune volte una foto è tutto ciò che mi rimane

 

A Forest

Perchè è la "Losing my religion" dei Cure
 

Three imaginary boys
Sometimes----"..Close my eyes and so tightly, scared of what the morning brings"---

Pornography
I Cure più gotici, più scuri, più bui... e forse i Cure più malati

Kyoto songs
Una doce cantilena , d'amore e morte

Us ot Theme
Per chi non crede che in questo mondo  l'odio abbia solo una faccia , una religione

A play for today
Ororo, ovunque tu sia

 

Faith

"The idea of prefection holds me"--- per tutte le gabbie che ogni giorno mi costruisco 

Friday I'm In Love
Perchè cantare una canzone " stupida" alle volte ti ridà buon umore e sorriso


PS: Purtroppo in rete non ho trovato i player di tutte le canzoni.
Buon ascolto , se vi va




permalink | inviato da il 20/5/2007 alle 20:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
musica
7 maggio 2007
Murder By Death-In bocca al lupo.Un capolavoro



…E se la chiudessi qui la classifica personale del 2007 non avrei rimpianti e ne dolori.

Questo disco che semplicemente si fionda nei dieci dischi da isola deserta, questo disco che ti prende e ti scuote dalla prima all’ultima canzone e ti lascia senza respiro.

Blues , sporco , cattivo liberatorio.

Mangi polvere e la pelle ti brucia. Un disco di “frontiera” se mai ne esiste uno.

Come un film disperato, uno di quei western di Sergio Leone, dove il buono e il cattivo si sfidano in duello e il buono si fa fottere dal cattivo, molto più veloce di lui nel premere il grilletto

Una voce , quella di Adam Turla , profonda e piena di colore che a tratti ricorda Jonny Cash ma a me da le stesse emozioni di un Nick Cave ai tempi dei Bad Seeds più urticanti

E Musicalmente sono proprio Cave  e Cash i maggiori referenti con spruzzate qua e la  Waitsiane 

Difficile scegliere una canzone ma una segnalazione va senz’altro data  a “Sometimes The Line Walks You” un omaggio risposta al Man in Black e a The Big Sleep commovente, "storica", incalzante con una tromba che piange disperata sul finire

 

Un capolavoro.

Da urlo o da lacrime .

Fate voi 




permalink | inviato da il 7/5/2007 alle 14:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
musica
19 aprile 2007
Italiani in musica-Tetes de Bois, Federico Sirianni

Tetes de Bois-Avanti Pop

 

Imparare a conoscerli anno dopo anno  attraverso le loro creazioni, attraverso i loro suoni , attraverso la loro arte. Stimarli e apprezzarli per il loro impegno quotidiano , mai banali come fosse un imperativo categorico.

Amo la loro musica, amo questo disco , che parla di lavoro , di lotta e di sofferenza, di ingiustizie taciute e di ideali ancora vivi

Canzoni? –“ il mio corpo “ su tutte , ma è uno di quei pochi dischi in grado di farti pensare e a tratti arrabbiare.

Suonato, magistralmente, come sempre.


Federico Siriani-Dal basso dei cieli
 

In rete e sulla stampa specializzata ho letto pareri assolutamente lusinghieri su questo disco.

Ed è vero.

Il disco si fa ascoltare, Siriani paroliere è validissimo soprattutto quando è accompagnato da musiche latineggianti o “mexicane”

Ma ciò che mi fa storcere il naso è il musicalmente già sentito in alcune canzoni, talmente “ sentito” che ti viene il dubbio se ciò che stai ascoltando sia una cover o meno

Capisco ispirarsi a Capossela che già si ispira  a Tom Waits, ma metterci del suo invece di andare sul sicuro? Io certamente lo avrei apprezzato molto , ma molto di più.

E comunque anche qui due pezzi molto belli , ma molto belli, come “Melodia per occhi stanchi” e la “Rosa Rossa




permalink | inviato da il 19/4/2007 alle 18:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
musica
23 marzo 2007
Rock --and-- Roll. Jesse Malin, Glitter In The Gutter

Glitter in the Gutter

JESSE MALIN –GLITTER IN THE GUTTER

Ok non è un capolavoro, l’ultima danza solistica di Jesse Malin.

Ma non è nemmeno la “ ciofeca” che molti descrivono, soprattutto in ambito internettiano.

E’ semplicemente un  buon disco di Rock and Roll che deve molto ai seventeen americani, con alcune cadute di stile, vero,  che sanno troppo di “Radio della west coast” ma in generale è un lavoro “onesto”  e diretto.

Da segnalare Prisoniers of Paradise , una bella cover solo piano di Bastards of Young dei Replacements, “Afthermath” che è una delle canzoni che canterò di più quest’anno, e la stupenda Broken Radio, non fosse altro per la presenza di Sua Santità il Messia Bruce Springsteen.

 

Per tutti quelli a cui i Mars Volta fanno schifo ed ancora hanno un cuore nascosto da qualche altra parte

 




permalink | inviato da il 23/3/2007 alle 19:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
musica
6 marzo 2007
Donne in Musica-Amy Winehouse





Amy WineHouse –Back to black  8,5

 

Ci sono dischi che semplicemente piovono dal cielo  come un regalo inaspettato , come l’ennesimo nuovo miracolo insperato e ringrazi il destino,  Dio o il Fato di aver fatto di te un “ music lover”

E’ il caso di  Back to black della cantante inglese Amy Winehouse

Una voce calda , piena di colore, che ti riscalda , ti emoziona, ti fa piangere .

Una voce che spazia dal Soul al  Rhytm and Blues con venature di Jazz come controno.

Una voce che sembra piovuta direttamente dagli anni 50 qui in questo caldo 2007

Una voce di cui innamorarsi.

 

Undici canzoni che vanno dalla semplicemente bella( Rehab), alla bellissima ( Back to Black) , al capolavoro assoluto( You Know i’m not Good e il magnifico testo di “ Love is a losing game”)

E se per caso in voi sorgesse il bisogno di domandarmi : “  E Joss Stone”

Io vi risponderei, sinceramente e senza pentimenti : “ Joss Chi?

 

 

Pochi album mi hanno emozionato così tanto negli ultimi tempi

Lo consiglio , ma è un consiglio con il cuore questa volta




permalink | inviato da il 6/3/2007 alle 19:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa
musica
25 febbraio 2007
UN GRUPPO , DIECI CANZONI- THE DOORS
1)
“ .. Like a dog withaut a bone , an actor out of loan , riders on the storm “- malinconia e disperazione, pazzia e amore-“ you gotta love your man”- Bellissima, e unica

2)
“ When the music’s over , turn of the lights”-Semplicemente


3)
“Desperately in need of a stranger’s hand in a desperate land” – Filosofia in forma di Musica. Mai Edipo è stato così affascinante negli ultimi duemila anni

4)
Rock e rivoluzione


5)
“She has me and she has you”- una delle canzoni minori del repertorio dei Doors, ma mi fa impazzire.

6)
Uno degli inizi  più famosi della storia del Rock , un ritornello che è li apposta per essere cantato.

7)
“Are you a lucky little lady in The City of Light Or just another lost angel...City of Night”, augurerei a tutti di avere un LA.Woman da qualche parte, pronta a raccogliervi o a raccattarvi

8)
Vietnam , 5 a Uno.Selezione nella morte.Doors politici

9)
“WE COULD BE SO GOOD TOGETHER”

10)
Now, I'm gonna love you Till the heavens stop the rain I'm gonna love you Till the stars fall from the sky for you and I Come on, come on, come on, come on Now touch me, baby.Desiderio e lussuria

ps: The Doors, di Oliver Stone è uno dei film musicali più brutti della storia.Mai film fu così deleterio per la storia di un gruppo

ps2: radio blog è l'invenzione più bella di tutti i tempi dopo la Nutella



permalink | inviato da il 25/2/2007 alle 13:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
musica
11 febbraio 2007
I RAGAZZI DI PLANET ROCK

Era quasi un rituale

Cena veloce, caffè, sigaretta , accendere Radio, 88.5 Radio 1,cuffie,la copia del Mucchio immancabile di fianco,  sorridere al riconoscere delle prime voci amiche  e “ click” premere il tasto REC per registare la cassetta da riascoltare nei giorni a seguire  insieme agli amici più cari

 

PLANET ROCK

 

Dio che nostalgia stasera.

Un pugno allo stomaco, quasi.

Una chiacchierata tra amici di vecchia data, confrontare gioie e dolori, le vittorie( poche,  quasi sempre futili) e le  sconfitte( grandi e quasi sempre importanti).

 

E poi senza un motivo ritrovarsi a parlare di Mixo , di Luca De Gennaro, di un epoca senza Grandi Fratelli, di culi sbattuti in prima serata, tutti così sodi che sembrano fatti  di plastica.

Ritrovarsi dopo anni ad essere ancora i “ ragazzi di Planet Rock”

Erano i primi anni del liceo, anni meravigliosi, si aveva ancora l’illusione di essere immortali, ed ogni giorno era veramente un occasione nuova per apprendere.

Politica , musica, cinema , cultura.

Erano gli anni della formazione, erano gli anni in cui ho posto( abbiamo posto) le basi di ciò che sono ora e volente o nolente  siamo figli anche degli “ sbagli di quei giorni”

 

Internet non c’era , di soldi per comprare i vinili al liceo manco a parlarne.

C’era Planet Rock e a noi sembrava già un miracolo…. Poi venne MTV e finì tutto insieme a molte altre cose


 

Difficile da capire , lo so.

Difficile da capire se non si ama la musica a livello viscerale

Difficile da capire se non si è trent’enni   che  considerano  la musica l’unica amante a cui vale la pena, ancora,   restare fedeli.

Sempre

 

Oggi penso a quelle sere.

Penso che allora la musica la si amava di più, penso che allora i miei dischi li consumavo e che ricordavo anche le parti in cui una puntina saltava sul disco ,  al contrario di oggi,  dove  un cd dopo un mese è gia vecchio

Penso alle serate passate con gli amici a saltare e cantare e ballare

Penso alla voce di Mixo e a quel suo cappello assurdo

 

Mi mancano i ragazzi di Planet Rock

Un sacco




permalink | inviato da il 11/2/2007 alle 21:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte



Antipixel di SocialDust Blog Aggregator


Fabrizio De André                                                                                                 
E tu, tu la chiami guerra.                                                                                       
E non sai che cos'è.


Tacito
Dove fanno il deserto,
quello chiamano pace

Sto leggendo




Disco della settimana
Baby Dee-Safe inside the day



 


Oggi ti regalo( tanto non mi costa un cazzo)









Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

VISTI E RIVISTI NEL 2008


Ascoltati nel 2008


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Iscritto su Aggregatore.com Aggregatore Iscritto su FromBlogs.com [Valid RSS] Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360°

 provenienti dal mondo dei blog!



IL CANNOCCHIALE