.
Annunci online

HeartProcession
Il mio mondo tra cravatte e buffoni
politica interna
5 febbraio 2008
Ad Aprile si va al mare
 

Quindi si vota.
A sorpresa per me.
Credevo Veltroni leggermente più furbo.
Invece l’hanno spuntata i vari Mastella, Dini e Fisichella, democristiani dentro.
Democristiani della peggior specie.

Quindi si vota e ad oggi mi astengo, comincerà la mia latitanza “ politica” dai siparietti politici, dal tribuno Vespa e dal “ sono tanto buono” Floris.
Mi astengo perché il voto a destra nella mia vita non l’ho mai preso in considerazione.

Non avrei mai votato a destra nemmeno se a capo della coalizione ci fosse stato un “ Giusto”.
Figuriamoci se mi passa per la testa l’idea di votare BerlusconiFiniCasiniBossiMastellaDiniCapezzoneMussoliniStaraceRotondi
LaMalfaCuffaro

Il peggio del peggio.
Tanti aspiranti Godot che pur di riappropiarsi del potere si lasciano chiamare “Topi di Fogna” dai loro alleati senza battere ciglio.
Aspiranti Godot che sognano la Balena Bianca , ma che alla fine sanno che gli “affari” si possono far pure in una coalizione “ eterogenea”.

Vinceranno.
Di sicuro.
Sia perché la sinistra è stata sempre brava a farsi del male nei rari casi in cui ha governato e sia perché gli italiani sono tanti piccoli porcellini di Orwelliana memoria.

Non vogliono Politica al servizio del cittadino, vogliono un politico al loro servizio esclusivo.
All’italiano dai tette , una sana evasione fiscale e reality show ed è contento.
Cazzo se è contento.

Ma dall’altre parte cosa c’è?
Ah il Pd di Veltroni.
Lui non è mai stato comunista, ripete sempre, e basterebbe questo…e se non bastasse hanno una politca da zerbino nei confronti del vaticano,politica economica che ha come referente Montezemolo, sono un partito di potere che ama gestire il potere.
Sempre meno peggio di quelli de là, ma ad aprile voglio respirare a pieni polmoni , non ho voglia di tapparmi di nuovo il naso.

Poi ci sarebbe, e il condizionale è d’obbligo, la sinistra unita.
Ed io voterei loro, idealmente.
Ma sento sempre le solite e vecchie litanie polemiche, i distinguo , la falce nel simbolo si , la falce nel simbolo no, massimalisti, minimalisti.
Dio mio che tristezza.

Quando anche uno come Diliberto con il suo zero virgola uno si permette di mettere bocca…dove cacchio vogliono andare?
Ci vorrebbero più Vendola e meno Di liberto.
Scommettiamo che ciò non avverrà?

Forse l’unica possibilità che mi permetterebbe in coscienza di fare il pio cittadino sarebbe una Bonino candidata a Presidente del consiglio con i Radicali.
Comincio a togliere il costume dall’armadio

politica interna
24 gennaio 2008
De profundis per Veltroni
L’unico che paradossalmente ne esce bene è Romano Prodi
Lo sconfitto vero, colui che esce massacrato dalla caduta del governo è “ o bello Guaglione”.
Lui che crede di poter opzionare i voti di tutta la gente di sinistra.

Ma con la gente di sinistra ho timore che non abbia mai parlato negli ultimi mesi, impegnato ogni giorno ad inaugurare qualcosa.

E per la seconda volta( forse e continuo a crederci poco o nulla) il PD( Ds più Margherita) regala di nuovo il paese a quelle merde( forse, le vie della politica e dei governi istituzionali sono infiniti)
Perché candidare Mastella , Binetti Dini e Fisichella…sono errori fatti a monte
Meglio così, finisce l’agonia e forse diminuisce la concentrazione di mercenari nel centro sinistra poiché passano di la, dove troveranno sicuramente loro simili.
Soprattutto nell’elettorato.

Complimenti
Vivissimi.

politica interna
16 gennaio 2008
Sui monti di Ceppalonia Prodi Sbarella

 

Due Premesse
La prima ovviamente che Lady Mastella è innocente fino a prova contraria.
Ci sarà un processo , se ci sarà, e si vedrà.
Certo sentirla dire che è sotto attacco perché cattolica suona talmente bislacca come affermazione che commentarla seriamente non si può

La seconda premessa riguarda il discorso del Ministro Mastella oggi in Senato: Se a farlo fosse stato un esponente del Centro Destra nella passata legislatura avremmo gridato allo scandalo.
Invece i cari “Padalini de Sinistra” si sono affrettati tutti, tranne I Di Pietristi, ad esprimere non tanto solidarietà( quella è dovuta nei rapporti politici) ma apprezzamento per il discorso stesso.
E per chi come me, di sinistra e calabrese , che vede giorno dopo giorno lo schifo in cui è immersa la mia regione, vittima di una classe politica clientelare a dir poco, tutti questi apprezzamenti ad un discorso , secondo me sbagliato, fanno male e faranno male alla sinistra tutta nei prossimi anni.

Fatte salve queste due premesse penso che Mastella abbia fatto benissimo a dimettersi e se queste dimissioni verranno mantenute dimostrerà un senso di appartenenza e di rispetto alle istituzioni che in questa Italia, in questo parlamento non è da tutti.

Quello che sbarella è Prodi che rifiuta le dimissioni.
Lasciamo stare l’errore, perché così lo sentiamo a sinistra, di aver messo Mastella in quel dicastero.

Non accettare le dimissioni in questa particolare vicenda è come mettere una sorta di censura o cappio sulla Magistratura.
Ma non era questo il motivo per cui abbiamo attaccato quelli dell’altra parte per cinque lunghi anni?
Quante volte abbiamo gridato “ al golpe”, per quante volte abbiamo gridato allo scandalo per le leggi ad personam?
Quante volte abbiamo urlato che in un paese civile un Primo Ministro come Berlusconi , con tutti quei processi sul suo groppone, avrebbe per decenza dovuto rassegnare le dimissioni?
Il problema oramai è questo Centro Sinistra, nella sua componente maggioritaria il Pd, che è senza Vergogna.

E’ Prodi che ha tradito il patto con il quale ha chiesto i voti per diventare primo ministro
Dopo De Magistris, dopo la Forleo, dopo il non aver cancellato le leggi vergogna..ancora un boccone amaro.

Complimenti


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. prodi mastella giustizia lady mastella

permalink | inviato da HeartProcession il 16/1/2008 alle 22:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
4 dicembre 2007
CONTINUARE NON HA SENSO

Finalmente dopo tanto , troppo tacere , Bertinotti mette sul tavolo la disillusione che cresce ogni giorno di più nel popolo di sinistra nei confronti dell’azione di questo governo
Sono troppi i bocconi amari che si è mangiato in questo anno e mezzo.
Sono troppe le promesse non mantenute.
Il programma oramai è come il mostro di LocK Ness: Molti dicono che c’è , ma in realtà nessuno ci crede veramente.
In un anno e mezzo non abbiamo visto niente di niente.

Pace, diritti civili , sicurezza sul lavoro, lotta al precariato, difesa del potere d’acquisto, Giustizia, integrazione
Dicono che non si può ottenere tutto e subito, ma qui si rischia di ottenere MAI niente.

In Afghanistan siamo ancora li ad mettere bandierine , a giocare ai Generali e in realtà paghiamo ancora dazio agli Stati uniti
I Pacs sono lettera morta una delle più grandi figure di merda che rimarrà nalla storia di questo maledetto paese
Si continua a morire come prima e più di prima sul lavoro: la fortuna è che molti so Rumeni, che cazzo ci frega a noi dei rumeni?
I precari sono sempre più precari e si instaura un processo di “ senza speranza” di “ no illusione” in cui manco si chiede più.
Le famiglie non arrivano nemmeno alla seconda settimana, l’inflazione aumenta e gli stipendi rimangono sempre gli stessi.
Ci siamo riempiti tanto la bocca di giustizia in questi anni e il centro sinistra in alcune realtà regionali fa letteralmente SCHIFO.
Le Leggi vergogna del governo Berlusconi ci stanno ancora: Non ci stanno più, nei loro posti, i Giudici De Magistris e Forleo

MA che politica ci potevamo mai aspettare da Mastella?
E da D’Alema e da Fassino?
E sull’integrazione stendiamo un velo pietoso.

Ci siamo messi a fa la lotta contro i lavavetri, ci sono stati Ministri che hanno cavalcato l’ondata di Becero Razzismo che oramai attanaglia L’italia
E il Bello de Roma, il “ io non sono mai stato Comunista”, oggi se ne esce farneticando che le uscite di Bertinotti sono un serio pericolo per le riforme.
Di quello scritto sopra a Veltroni non frega una mazza: gli italiani, il popolo di sinistra , secondo lui, sente l’esigenza di nuovi regolamenti parlamentari, di una nuova legge elettorale.

Con il proporzionale la spesa costa meno
Si sa.

La prossima volta Caro Sindaco di Roma il governo se lo faccia con Berlusconi.
Veronica forse può mettere una buona parola

politica interna
28 ottobre 2007
Siamo Sempre le stesse facce di sinistra-Giù le mani dalla Calabria
Canzone del giorno
"Terra" dei Manodopera

 

Scendere in piazza perché la piazza da sempre è stata la nostra coperta di Linus.
Scendere in piazza perché è l’unico modo che abbiamo per far capire che no, non siamo d’accordo, questo schifo proprio no, non da chi è stato eletto con il nostro voto.
Scendere in piazza a favore di De Magistris .
Scendere in piazza per calmare questo fottuto senso di colpa che nasce dal fatto di aver mandato attraverso il nostro voto una persona come Mastella a sedere sulla poltrona di Ministro della Giustizia.

Non lo perdonerò mai ai vari Prodi and company ciò.
Non perdonerò mai loro, questo senso di vuoto, non perdonerò mai questa rabbia che nasce dal vedere la mia terra derubata giorno dopo giorno da avvoltoi infami senza scrupoli.
Non li perdonerò mai di questo silenzioso implicito asservimento al bavaglio che qualcuno sta riuscendo a mettere alla richiesta di giustizia che viene dalla gente Calabrese


Poche , pochissime Bandiere, ma alla fin fine sempre le solite facce.
Le stesse facce di Sinistra che un anno e mezzo fa credeva davvero nel cambiamento.
Credeva davvero ad un cambiamento nei fatti e non a parole
Le stesse facce di sinistra e non “ democratiche” che sanno cosa e quali affari nascondo le facce dei maggiorenti del partito Democratico nella nostra Regione
Le stesse facce di sinistra, stanche disilluse e piene di rabbia.
Le stesse facce che rioccupano una piazza e manifestano contro il governo regionale e nazionale da loro votato, perché sia ben chiaro che da queste parti , a sinistra, si votano ancora gli ideali e non le loro belle facce

Una giornata bella a Cosenza ieri, forse con un retrogusto amaro, ma bella

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte



Antipixel di SocialDust Blog Aggregator


Fabrizio De André                                                                                                 
E tu, tu la chiami guerra.                                                                                       
E non sai che cos'è.


Tacito
Dove fanno il deserto,
quello chiamano pace

Sto leggendo




Disco della settimana
Baby Dee-Safe inside the day



 


Oggi ti regalo( tanto non mi costa un cazzo)









Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

VISTI E RIVISTI NEL 2008


Ascoltati nel 2008


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Iscritto su Aggregatore.com Aggregatore Iscritto su FromBlogs.com [Valid RSS] Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360°

 provenienti dal mondo dei blog!



IL CANNOCCHIALE